venerdì 13 marzo 2009

Bronzi di Riace, i due pesi del ministro Bondi

di Mario Meliadò - ILSOLE24ORE.COM

REGGIO CALABRIA - I Bronzi di Riace? Sono intrasportabili. Anzi, no...Spulciando tra i sempre provvidenziali ritagli di giornale, il ministro della Cultura Sandro Bondi sembrerebbe avere due posizioni, tra loro inconciliabili, al riguardo: eppure proprio lui, convocando al Ministero a questo scopo lo stesso sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Scopelliti, ha dato sèguito all'idea del premier Silvio Berlusconi di spedire le due statue bronzee al G-8 che si terrà nel luglio prossimo nell'isola sarda della Maddalena.
Presupposto-chiave, ovviamente, che le due bimillenarie meraviglie scultoree possano viaggiare senza riportare danni: punto controverso sul quale neppure i tecnici, fin qui, si son pronunciati con chiarezza. In queste settimane, nessuna presa di posizione ufficiale degli esperti del Ministero per i Beni culturali. Prudenza assoluta anche dalla Soprintendenza per i Beni archeologici, benché nel 1995 l'allora soprintendente Elena Lattanzi avesse scritto all'allora ministro di settore Antonio Paolucci che un viaggio sarebbe «sconsigliato in modo assoluto», perfino «in presenza del più sofisticato degli imballaggi e del trasporto più cauto», in quanto «potrebbe compromettere in modo irreversibile la conservazione dei celebri Guerrieri» a causa dell'estrema corrosione delle superfici interne e dei «fenomeni fessurativi di grave entità».
In riva allo Stretto, monta il malumore: molti tra partiti e associazioni si oppongono al temporaneo trasferimento dei Bronzi in terra sarda, paventandone il danneggiamento. E nel weekend, in appositi gazebo saranno raccolte firme per promuovere un referendum cittadino analogo a quello che vide bocciata da più del 90% dei votanti l'ipotesi dell'allora "governatore" Giuseppe Chiaravalloti (Fi) non già di far viaggiare i Giganti bronzei, ma di realizzarne delle copie (la famigerata "clonazione") da spedire in giro per il mondo in occasioni importanti, dalle Olimpiadi ai Giochi del Mediterraneo.
.…I Giochi del Mediterraneo, appunto. "Pescara 2009", Comitato organizzatore della 16^ edizione dei Giochi (presidente, il deputato aquilano del Pdl Sabatino Aracu), chiese per tempo al ministro Bondi la disponibilità dei Bronzi per l'iniziativa in terra abruzzese: ma il ministro rispose picche, stando alla nota ufficiale diramata dopo l'incontro col presidente Aracu, una manciata di mesi fa, «per l'impossibilità del loro spostamento dalla sede attuale». A distanza di un anno, i Bronzi sono "guariti"?
12 marzo 2009

5 commenti:

stella ha detto...

Ho letto che comunque i bronzi saranno trasferiti in Sardegna.

Domenico Condito ha detto...

Cara Stella,

la coerenza non è una virtù molto praticata dai nostri politici,tanto più se a richiamarli all'ordine è la "voce del padrone"... Ciò è ancora più grave se a rimetterci è la dignità di un'intera regione...

Purtroppo "Homo ridens" foraggia molti dei nostri politici regionali, e questi non possono sottrarsi all'onere dell'obbedienza... I nostri contadini di "Gente in Aspromonte" avevano più dignità...

Grazie per i tuoi interventi su questo blog.

stella ha detto...

Caro Domenico avvaloro la tua tesi...avevo letto anche che i Calabresi erano d'accordo sul "trasloco" ed ero rimasta molto sorpresa!

Efigênia Coutinho ha detto...

Domenico Condito
Prezados gentlemen, my compliments for this Blog, with admiration,
Efigênia Coutinho
BRAZIL

Domenico Condito ha detto...

Olá Efigênia

Seja bem-vinda no "Utopie calabresi".
Agradeco-lhe muito a sua visita e os parabéns.

Abraço

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...